Ogni ricchezza nasce dalla miseria del Popolo – Kropotkin (1892)

Ogni ricchezza nasce dalla miseria del Popolo

da “La conquista del Pane – Kropotkin 1892”

Pochi si domandano da dove provengano le fortune dei ricchi.
Un poco di riflessione basterebbe per dimostrare che l’origine di queste fortune è la miseria dei poveri.
Là, dove non ci saranno miserabili, non ci saranno più ricchi per sfruttarli.

Eccovi un borghese il quale, in un modo o in un altro, si trova possessore di un gruzzolo di cinquecentomila lire.
Egli può certamente spendere il suo denaro in ragione di cinquantamila lire all’anno, ben poco, in fondo, considerando il lusso fantastico e insensato dei nostri giorni.
Ma allora, in capo a dieci anni, non avrà più nulla.
Cosicchè, da uomo «pratico», egli preferisce di conservare intatta la sua fortuna, e, per di più, di formarsi un discreto reddito annuale.
Continua a leggere

Annunci

Elogio al Lavoro manuale e ai suoi Simboli

mukhinaoperaio-maxi

Riceviamo e volentieri pubblichiamo:

E’ giunto il tempo di fare chiarezza sulla Falce e sul Martello, usati in modo superficiale da una sinistra radical chic e disprezzati dall’ottusità di una destra borghese e reazionaria.

Prima di entrare in merito al significato profondo di questi strumenti antichi occorre dichiarare senza esitazione:
La Falce e il Martello sono anche nostri simboli”. Continua a leggere

Errico Malatesta commenta l’attentato a re Umberto I

Noi non crediamo nel diritto di punire, noi respingiamo l’idea di vendetta come sentimento barbaro: noi non intendiamo essere giustizieri, nè vendicatori. Più santa, più nobile, più feconda ci pare la missione di liberatori e di pacificatori.

Ai re, agli oppressori, agli sfruttatori noi tenderemmo volentieri la mano, quando soltanto essi volessero tornare uomini fra gli uomini, uguali tra gli uguali. Ma intanto che essi si ostinano a godere dell’attuale ordine di cose ed a difenderlo colla forza, producendo così il martirio, l’abbrutimento e la morte per stenti a milioni di creature umane, noi siamo nella necessità, siamo nel dovere di opporre la forza alla forza.

Opporre la forza alla forza! Continua a leggere